Backstage

Sara Latagliata

32 anni. Viene da Lecce.

Occhi azzurri e sguardo attento, le dita che sminuzzano, triturano e rimescolano…” così scrive di lei la madre, poetessa, scrittrice e pittrice.

Sara, tarantina di nascita e leccese d’adozione. La cucina la scopre all’Università mentre studia Conservazione dei Beni Culturali. Tra un esame e l’altro non mancano le occasioni per cucinare, sperimentare ma soprattutto per invitare e condividere. Poi la passione diviene una professione e così avvengono gli studi presso la Boscolo Ētoile Academy di Tuscania. Ancor prima della laurea, Sara lavora nel mondo della ristorazione. L’esperienza che la segna di più è quella presso il “Luogo di Aimo e Nadia” a Milano, 2 stelle Michelin.

Sognatrice e fortemente innamorata della Puglia decide di tornare. Vince un bando della Regione Puglia e nel 2012 crea la cooperativa “Nobili Pasticci” con l’intento di far cultura a tavola e di valorizzare le eccellenze gastronomiche.

I piatti che Sara crea raccontano il suo grande amore per la Puglia.

Nella vita di tutti i giorni è una guerriera, piena di progetti ed ambizioni. Passa il suo tempo libero andando in palestra tra pesi ed attrezzi. Quando è possibile legge libri di cucina e romanzi e appena può cerca di viaggiare per vedere e conoscere cibi, tradizioni e luoghi diversi.

A farle battere il cuore c’e’  Fabio , l’uomo che l’ha ispirata e che ha alimentato i suoi sogni. Ricorda ancora il suo primo regalo: un grosso libro sulla cucina italiana.

Il suo piatto forte: Orecchiette al cacao con farina di semola Senatore Cappelli e Pomodorini Fiaschetto di Torre Guaceto